Musicoterapia in Libano

 

Progetto di musicoterapia nei campi-profughi palestinesi

del Libano

 I campi-profughi libanesi nati nel 1948, con l’ espulsione dei palestinesi dai loro villaggi, sono sempre più un luogo di provvisorietà, sovraffollamento, sottoalimentazione, malattia, disturbi psicologici.

Lo stato libanese ostacola  l’integrazione dei profughi impedendo loro un notevole numero di lavori. I giovani  senza prospettive di lavoro, senza la speranza di vedere la fine della condizione di profugo (nonostante il diritto internazionale riconosca ai profughi ‘il diritto al ritorno’ e numerosi pronunciamenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu lo abbiano più volte  ribadito) vivono un  presente di umiliazione e sofferenza , di cui non riescono a vedere la fine. I bambini, a causa dei numerosi problemi presenti nei campi, soffrono di gravi difficoltà nell’apprendimento e nello sviluppo psicomotorio. La disoccupazione è al 56%.

Da tutto questo derivano depressione, stati ansiosi, traumi da stress, di cui adolescenti e bambini sono le prime vittime.

 Il progetto ‘ Musicoterapia in Libano’  è diretto agli operatori e alle operatrici dei Centri di Ascolto Familiari dell’ ONG palestinese NISCVT (National  Institution Social Care and Vocational Training) e si propone  fornire loro le conoscenze  per curare il disagio sociale e psichico con la musicoterapia.

 Il progetto che ha avuto inizio il 18 giugno 2012 e si concluderà a metà giugno del 2013,  si articola in tre fasi:

1)      Seminari intensivi di formazione  della durata di un mese

2)      Fase di attuazione con supervisione periodica (una ogni due mesi per un totale di cinque)

3)      Seminario conclusivo in Puglia con i diversi soggetti coinvolti e con la partecipazione di un operatore del NISCVT.

 Il progetto prevede anche la realizzazione di un video e di una mostra fotografica.

 l progetto presentato dal Comune di Mola di Bari, è stato finanziato dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia con la Legge Regionale 20, del 2003, sulla Cooperazione internazionale.

Il soggetto attuatore è l’Associazione per la Pace di Mola di Bari.

Altri partners: Municipalità di Burj al Shemali (Tiro), National Institution Social Care and Vocational Training, Ulaia ArteSud Onlus, Associazione Prima Materia, Associazione Stratos, Associazione Matrice Onlus, Camera a sud  coop. soc., Associazione Comunicareilsociale.it.

Informazioni aggiuntive